Ripensare il lavoro: di come il tempo è spazio di potere, e di come farlo nostro
Siamo frustrati per la mancanza di lavoro o esausti per il sovraccarico. Mobilitarsi per una riduzione delle ore lavorative è un esercizio di potere collettivo che permette di pensare a un nuovo modello di esistenza comune.
Vai all'articolo
Riscoprire Milano: dal capitale al sociale
L’alternativa al “lavora-consuma-crepa” esiste anche nella città del fatturato, e passa per la riqualificazione di giardini e cascine e la riattivazione di comunità di quartiere.
Vai all'articolo
Previous
Next

Il discorso amoroso

L’amore è una questione pulsionale che si accende nelle primissime fasi di vita, nell’incontro con la madre. Le relazioni d’amore successive sono un continuo tentativo, inevitabilmente fallimentare, di ritrovare il primo oggetto perduto.

Vai all'articolo
fotomontaggio della Venere Cnidia con parte del viso sostituto da una bocca femminile che succhia un dito

Archeop*rn (The naked classical culture)

Da un’idea di quattro ragazzi romani la pagina Instagram che rivela il lato più disinibito della società e dell’arte antica. Cosa si cela dietro le superfici così ingannevolmente bianche e pure delle rovine che vediamo? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro.

Vai all'articolo
Locandina dell’evento.

Cronache dalla trincea del lavoro

Mattinata di lavoro per la vostra redazione: un gruppo di essa ha, infatti, presenziato alla Conferenza sul Futuro dell’Europa dal tema “I giovani e l’occupazione. La realtà cittadina e periferica del territorio Bresciano”, un’occasione per condividere idee e contribuire a plasmare l’Europa che vorremmo.

Vai all'articolo
donna di spalle di fronte ad una finestra.

Continuare a scrivere

Di quando scrivere viene difficile. Meccanismi cognitivi e sociali per cui, di fronte a fenomeni eccezionali, esprimersi attraverso la scrittura diventa complicato.

Vai all'articolo
Illustrazione che ritrae astrattamente l'odio sul web

Liberi di Odiare

Instagram e Facebook, nel disinteresse generale, hanno aperto ai post di “incitamento all’odio” nei confronti dei soldati russi e di Vladimir Putin. Decisione giusta o pericolosa?

Vai all'articolo